Industria 4.0

Industria 4.0

LEGGE DI BILANCIO 2017 – Piano Industria 4.0. le misure previste 

Per l’accesso al beneficio dell’iper-ammortamento 250%:

UNA PERIZIA TECNICA DOVRA’ ATTESTARE IL POSSESSO DI UNA SERIE DI REQUISITI MINIMI, TRA CUI L’INTERCONNESSIONE AI SISTEMI AZIENDALI.

 

SU COSA SPETTA L’IPER AMMORTAMENTO?

BENI STRUMENTALI ALTAMENTE DIGITALIZZATI E QUINDI SU:

INVESTIMENTI IN TECNOLOGIE /AGRIFOOD (MACCHINE PER REALIZZARE PRODOTTI MEDIANTE TRASFORMAZIONE DI MATERIALI/MATERIE PRIME c.d. PROCESSING) / IMPIANTI PER MIGLIORARE I CONSUMI ENERGETICI.

ALLEGATO “A” ALLA LEGGE DI BILANCIO 2017

(beni funzionali alla trasformazione tecnologica/digitale delle imprese):

  • BENI STRUMENTALI IL CUI FUNZIONAMENTO É  CONTROLLATO DA SISTEMI COMPIUTERIZZATI e/o GESTITO TRAMITE OPPORTUNI SENSORI E AZIONAMENTI;
  • SISTEMI PER L’ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ E DELLA SOSTENIBILITÀ;
  • DISPOSITIVI PER L’INTERAZIONE UNOMO MACCHINA E PER IL MIGLIORAMENTO DELL’ERGONOMIA E DELLA SICUREZZA DEL POSTO DI LAVORO IN LOGICA 4.0.

A CHI SPETTA L’IPER AMMORTAMENTO?

Alle imprese che operano nel settore industriale:

MECCATRONICA/ROBOTICA /BIG DATA/SICUREZZA INFORMATICA/ NANOTECNOLOGIE/SVILUPPO DI MATERIALI INTELLIGENTI/ STAMPA 3D/ INTERNET

ALLEGATO “B” ALLA LEGGE DI BILANCIO 2017

(beni funzionali alla trasformazione tecnologica/digitale delle imprese):

  • SOFTWARE
  • SISTEMI E SYSTEM INTEGRATION
  • PIATTAFORME E APPLICAZIONI

BENI AMMISSIBILI ALL’AGEVOLAZIONE

(beni funzionali alla trasformazione tecnologica/digitale delle imprese):

 – BENI STRUMENTALI controllati da sistemi computerizzati: dispositivi, componentistica intelligente per l’integrazione, la sensorizzazione e/o l’interconnessione ed il controllo automatico dei processi relativi anche all’ammodernamento o al revamping dei sistemi di produzione esistenti, filtri, e sistemi di trattamento delle acque, aria, olio, sostanze chimiche, e organiche, polveri, con sistemi di segnalazione dell’efficienza filtrante e della presenza di anomalie, o sostanze aliene al processo o pericolose, integrate con il sistema di fabbrica e in gradi di avvisare gli operatori e/o fermare le attività di macchine e impianti.

– MACCHINE utensili per asportazione, operanti con laser, o con flusso di energia (es. plasma, waterjet, fascio di elettroni), elettroerosione, processi elettrochimici, macchine per la deformazione della plastica, dei metalli e altri materiali, macchine per la trasformazione dei materiali;

– MACCHINE utensili per l’assemblaggio, la giunzione, la saldatura, per il confezionamento, per l’imballaggio, di de-produzione e riconfezionamento, per recuperare materiali e funzioni da scarti industriali e prodotti di ritorno a fine vita.

– MACCHINE, strumenti e dispositivi per il carico e lo scarico, la movimentazione, e la pesatura, la cernita automatica dei pezzi, dispositivi di sollevamento e manipolazione automatizzati, agv e sistemi di convogliamento e movimentazione flessibili, e/o dotati di riconoscimento dei pezzi, magazzini automatizzati interconnessi ai sistemi gestionali di fabbrica;

– ROBOT collaborativi, sistemi multi-robot, sistemi per il confezionamento o la modifica delle caratteristiche superficiali dei prodotti o la funzionalità delle superfici, macchine per la manifattura addittiva utilizzate in ambito industriale.

DISPOSITIVI DI MONITORAGGIO E CONTROLLO

(ulteriore vincolo richiesto è che i macchinari siano dotati almeno di un paio di caratteristiche fra):

  •  sistemi di telemanutenzione e/o telediagnosi e/o controllo remoto;
  • monitoraggio continuo delle condizioni di lavoro e dei parametri di processo mediante opportuni set di sensori e adattivita’ alle derive di processo;
  • possedere caratteristiche di integrazione tra macchina fisica e/o impianto con la modellazione e/o simulazione del proprio comportamento nello svolgimento del processo (sistema cyberfisico).

CARATTERISTICHE TECNICHE NECESSARIE

  • dotazione di controllo per mezzo di cnc (computer numerical control) e/o plc (programmable logic controller);
  • interconnessione ai sistemi informatici di fabbrica con caricamento da remoto di istruzioni e/o part program, inoltre l’integrazione programmata con sistema logico della fabbrica o con la rete di fornitura e/o con la macchina del ciclo produttivo;
  • interfaccia tra uomo e macchina semplici ed intuitive e rispondere ai più recenti parametri di sicurezza, salute e igiene del lavoro.

BENI AMMISSIBILI ALL’AGEVOLAZIONE

(beni funzionali alla trasformazione tecnologica/digitale delle imprese):

 – BENI STRUMENTALI controllati da sistemi computerizzati: dispositivi, componentistica intelligente per l’integrazione, la sensorizzazione e/o l’interconnessione ed il controllo automatico dei processi relativi anche all’ammodernamento o al revamping dei sistemi di produzione esistenti, filtri, e sistemi di trattamento delle acque, aria, olio, sostanze chimiche, e organiche, polveri, con sistemi di segnalazione dell’efficienza filtrante e della presenza di anomalie, o sostanze aliene al processo o pericolose, integrate con il sistema di fabbrica e in gradi di avvisare gli operatori e/o fermare le attività di macchine e impianti.

– MACCHINE utensili per asportazione, operanti con laser, o con flusso di energia (es. plasma, waterjet, fascio di elettroni), elettroerosione, processi elettrochimici, macchine per la deformazione della plastica, dei metalli e altri materiali, macchine per la trasformazione dei materiali;

– MACCHINE utensili per l’assemblaggio, la giunzione, la saldatura, per il confezionamento, per l’imballaggio, di de-produzione e riconfezionamento, per recuperare materiali e funzioni da scarti industriali e prodotti di ritorno a fine vita.

– MACCHINE, strumenti e dispositivi per il carico e lo scarico, la movimentazione, e la pesatura, la cernita automatica dei pezzi, dispositivi di sollevamento e manipolazione automatizzati, agv e sistemi di convogliamento e movimentazione flessibili, e/o dotati di riconoscimento dei pezzi, magazzini automatizzati interconnessi ai sistemi gestionali di fabbrica;

– ROBOT collaborativi, sistemi multi-robot, sistemi per il confezionamento o la modifica delle caratteristiche superficiali dei prodotti o la funzionalità delle superfici, macchine per la manifattura addittiva utilizzate in ambito industriale.

CARATTERISTICHE TECNICHE NECESSARIE

  • dotazione di controllo per mezzo di cnc (computer numerical control) e/o plc (programmable logic controller);
  • interconnessione ai sistemi informatici di fabbrica con caricamento da remoto di istruzioni e/o part program, inoltre l’integrazione programmata con sistema logico della fabbrica o con la rete di fornitura e/o con la macchina del ciclo produttivo;
  • interfaccia tra uomo e macchina semplici ed intuitive e rispondere ai più recenti parametri di sicurezza, salute e igiene del lavoro.
[/vc_row_inner]

DISPOSITIVI DI MONITORAGGIO E CONTROLLO

(ulteriore vincolo richiesto è che i macchinari siano dotati almeno di un paio di caratteristiche fra):

  • sistemi di telemanutenzione e/o telediagnosi e/o controllo remoto;
  • monitoraggio continuo delle condizioni di lavoro e dei parametri di processo mediante opportuni set di sensori e adattivita’ alle derive di processo;
  • possedere caratteristiche di integrazione tra macchina fisica e/o impianto con la modellazione e/o simulazione del proprio comportamento nello svolgimento del processo (sistema cyberfisico)

PERIZIA TECNICA GIURATA

Per accedere al 250% l’impresa è tenuta a produrre perizia tecnica giurata redatta da un ingegnere o da un perito indutriale iscritti nei rispettivi albi professionali o da un ente di certificazione accreditato.

La perizia è richiesta per i beni di costo superiore a € 500 mila. per i beni di costo inferiore la norma consente all’impresa di acquisire una dichiarazione di atto notorio resa dal legale rappresentante sempre con la forma ed i contenuti della perizia.

È CUMULABILE CON ALTRI STRUMENTI AGEVOLATIVI.

ATTIVITA’ PROPOSTE DAL CONSORZIO IRIS

(in una più ampia ottica dell’Industria 4.0):

Alle aziende viene data la possibilità di effettuare acquisti godendo dell’IPER ammortamento del 250% come sopra evidenziato; in relazione a questa opportunità il CONSORZIO IRIS si propone per:

  • Eseguire, con l’ausilio di esperti, una breve analisi tecnica preliminare al fine di verificare la possibilità di investimenti rientranti nelle premesse. La compliance della singola macchina alle previsioni della misura, ancorché necessaria, non è sufficiente ad accedere ai benefici: INDUSTRIA 4.0 ha per oggetto in senso ampio la creazione di un eco-sistema di trasformazione tecnologica e digitale organico all’interno dell’impresa utilizzatrice con ricadute organizzative ed industriali di lungo termine;
  • Certificare le tecnologie abilitanti.

INOLTRE IL CONSORZIO IRIS

Si propone come partner per le aziende Costruttrici ed utilizzatrici di beni strumentali speciali che vogliono sfruttare al meglio l’opportunità e la filosofia industria 4.0 offrendo ulteriori servizi.

  • la Cyber Security tecnologia abilitante per la L IND.4.0 anche attraverso la redazione di policy aziendali;
  • il credito d’imposta circ. AE 5/E del 16.03.2016, sempreché esistano i presupposti di cumulabilità;
  • aspetti finanziari di prestito e garanzia pubblica/consortile connessi al pagamento delle commesse;
  • la formazione scolastica, in alternanza scuola-lavoro, da effettuarsi presso l’azienda, su ambiti aderenti alle tecnologie previste da Industria 4.0.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi